Idee Creative

categories (7 Posts)

Luna crescente? Allora… fiori ovunque, anche se fa freddo!

Chi l’ha detto che in inverno non si può avere un bel balcone fiorito?

Certo non avremo il tepore caldo della primavera, ma se siete amanti dei vasi colorati alle finestre o avete anche un piccolo terrazzo dove volete far esplodere un po’ di allegria, questi sono i fiori che in autunno potete invasare (fino al 26 novembre sarà tra l’altro Luna crescente, periodo perfetto…).

100_0766[1]

Ciclamini

Veri protagonisti di ogni balcone che si rispetti. Fiore semplicissimo da tenere sia in casa che fuori, non teme le temperature rigide (il mio ha resistito addirittura alla neve!), con le dovute accortezze di evitare i ristagni di acqua e di togliere eventuali foglie secche o parassiti. Colori accesi che vanno dal rosso al magenta fino al bianco, resteranno dormienti per tutta la primavera e l’estate per poi tornare a brillare ad ogni inverno!

conso-creativite-funflame-2

I ciclamini starebbero molto bene in sacchetti di iuta riempiti di terra, oppure in una vecchia cassetta di legno, trattata con un impregnante idrorepellente e dipinta a mano.

Ecco qualche idea che ho trovato navigando per il web…

OrtoSacchi_24

Come-trasformare-una-cassetta-da-frutta-in-fioriera-semplice-ed-economico1


Erica

Il fiore delle fate! Se siete romantici e anche un po’ folletti, non potete non avere l’erica alla vostra finestra o all’entrata della casa.

erikanoveny8

Con i suoi fiorellini rosa accesi, una cascata di colore inonderà i vostri vasi… Immaginatela in una cassettina di legno in stile shabby chic, oppure in vasi colorati appesi davanti all’uscio…

fioriera_aut_erica


Settembrini

Con i settembrini aggiungiamo un po’ di azzurro, lilla e rosa al nostro terrazzo! Sono fiori molto semplici e resistenti, “dormono” per tutta l’estate ed arrivano a farci compagnia da fine settembre per tutto l’autunno e anche in inverno.

aster_settembrini

Esistono molte varietà di questo fiore, viene anche chiamato “astro settembrino” proprio perché assomiglia ad una stella… in mezzo a tanti altri fiori lui sembrerà brillare!

Pensate ad un bell’angolo del balcone riempito con tanti rustici secchielli di latta con dentro gli astri settembrini…

 

L-aster_su_vertical_dyn

 

Buon travaso a tutti!

 

Ciliegie: tra una scorpacciata e l’altra, ci esce anche un cuscino!

Rosse, succose e maledettamente attraenti… Forse la strega di Biancaneve avrebbe avuto lo stesso successo, se al posto della mela avesse utilizzato delle ciliegie!

In questo periodo se vi trovate a gironzolare per le campagne del bel paese, vedrete sicuramente dei ciliegi pronti a offrirvi il loro squisito frutto.

ciliegie

Oltre ad essere decisamente deliziose, le ciliegie sono alleate delle diete dimagranti, grazie al basso contenuto di zuccheri e di calorie. Forniscono inoltre vitamine A e C, potassio e numerosi minerali e fibre. Ma le ciliegie nascondono anche un inaspettato amico della cervicale e dei dolori articolari: il nocciolo!

semi ciliegie

Pare proprio che di questo meraviglioso frutto non si butti via nulla… I noccioli infatti, possono essere utilizzati come imbottitura per dei cuscini terapeutici. Un rimedio antico e 100 per 100 naturale!

Il seme delle ciliegie è molto speciale: è dotato di una naturale camera d’aria al suo interno, che gli consente di accumulare velocemente sia il caldo che il freddo e di rilasciarli lentamente ed in totale assenza di umidità, qualità importante, specialmente a scopo terapeutico.

sacchetto-termico-noccioli-di-ciliegia-

REALIZZARE UN CUSCINO TERAPEUTICO

Una volta raccolta una bella quantità di noccioli e puliti per bene dalla polpa, vanno fatti asciugare al sole per un paio di giorni e successivamente passati al forno a 100 gradi per 20 minuti.


È fondamentale che i semi siano perfettamente asciutti, così da evitare che si formino muffe o batteri all’interno del cuscino.

cuscinetto_noccioli_ciliegia1

Una volta riempito il cuscino con i noccioli, possiamo utilizzarlo per lenire ad esempio dolori muscolari, contratture, dolori cervicali con il metodo del calore.

Basterà inserirlo nel microonde a temperatura media per 2 minuti a 600 watt, oppure in forno a 100° per 10/15 minuti. In questo modo i noccioli grazie alle loro camere d’aria rilasceranno il calore accumulato in maniera graduale, dando un sollievo continuo e meraviglioso.

Per contusioni o problemi articolari si può utilizzare anche freddo al posto del ghiaccio, sarà sufficiente tenerlo mezzora in freezer racchiuso in un sacchetto di plastica per evitare che si inumidisca!

cuscini-cervicale-noccioli-ciliegia

È importante che il cuscino sia realizzato con delle stoffe naturali e assolutamente non sintetiche, ci si può davvero sbizzarrire in forme, colori e dimensioni… è un ottimo rimedio anche per le mani fredde, basterà fare dei piccoli cuscini da stringere (il che funziona anche come antistress!).


Utile anche al posto della classica borsa dell’acqua calda, da tenere nel letto o sulla pancia, così come anche come sostituto della “borsa del ghiaccio” per quando si ha la febbre…

Insomma, lasciate spazio alla fantasia e mangiate tante ciliegie in questo periodo!

 

Arriva l’estate… è tempo di scrub e di idee regalo!

Che siate pronti o meno per la prova costume, una buona abitudine per migliorare l’aspetto della nostra pelle è sicuramente lo scrub!

scrub-corpo

Massaggiare il corpo con un prodotto naturale dermo-abrasivo è una pratica che oltre a dare piacere e relax, permette di rimuovere le cellule morte, favorendone quindi un ricambio e donando luminosità ed elasticità alla pelle.

Possiamo creare il nostro scrub corpo comodamente in cucina, selezionando ingredienti molto semplici!

Ecco alcuni esempi che Naturalino ha personalmente sperimentato con successo!

Qui trovate il videotutorial di 1 minuto e mezzo!

Scrub allo zucchero di canna, formula del 3-2-1!

scrub zucchero di canna

3 cucchiai di zucchero di canna

3 cucchiai di olio di girasole

2 cucchiai di sale grosso

1 cucchiaio di olio di oliva

Riempite un barattolo di vetro con tutti gli ingredienti, mescolate e utilizzate prima della doccia sulle gambe. Il composto non deve essere né troppo oleoso, né troppo asciutto, regolate gli ingredienti in base anche alla vostra tolleranza sulla pelle.

Un buono scrub non deve irritare, ma esfoliare con decisione idratando!

Lavare poi il corpo con sapone possibilmente naturale e idratare, dopo la doccia, con un olio leggero da massaggio (jojoba o mandorle dolci) o una buona crema sempre naturale.

Scrub al caffè a colazione!

scrub caffè

3 cucchiai di sale grosso

3 cucchiai di zucchero di canna

4 cucchiai di caffè

Riempire quanto basta (affinché sia denso) con olio Olys Carapelli oppure olio di mandorle dolci.

Uno dei maggiori benefici del caffè per la pelle è la sua azione contro la cellulite e la buccia d’arancia. In particolare la caffeina applicata sulla pelle possiede la capacità di riattivare la circolazione del sangue e facilitare la rottura dei cumuli di tessuti grassi.

Un buon caffè dopo lo scrub e la doccia e saremo pronti per la giornata!

Scrub ai fiori di lavanda… coloratissimo e profumatissimo!

scrub lavanda

3 cucchiai di sale grosso

3 cucchiai di sale fino

3 cucchiai di fiori secchi di lavanda

5 gocce di olio essenziale di lavanda

1 cucchiaino di polvere colorante viola per uso cosmetico (facoltativo)

Olio di girasole, quanto basta per ottenere uno scrub denso

Far sciogliere il pigmento viola nell’olio di girasole. Mescolare tutti gli ingredienti aggiungendo le gocce di olio essenziale. Lasciare riposare qualche giorno prima di utilizzare.

Il pigmento è ovviamente facoltativo, sarà comunque molto bello vedere lo scrub al naturale con i fiori di lavanda dentro… Come idea regalo però avere un barattolo con uno scrub viola può essere molto originale!

Potete divertirvi a realizzare anche delle mini-dosi. Dimezzando gli ingredienti avrete sempre a disposizione lo scrub che desiderate senza sprechi!

Avete mai visto una bambola senza trucco e parrucco?

Mamme, baby-sitter o semplicemente amanti del fai-da-te per i bambini, ecco un’idea meravigliosa per chi vuole trasformare delle bambole ormai banali ed anche esteticamente esagerate, in qualcosa di più autentico e artigianale…

tree change dolls
Tree Change Dolls

Avete mai pensato di “struccare” le Barbie o le Bratz e ridipingerle con uno stile tutto vostro? Ad avere per prima questa idea è stata Sonia Singh, mamma e artista australiana che un bel giorno, stanca di quegli occhi giganti, labbra siliconate e aspetto innaturale, ha cancellato definitivamente il volto delle famose bambolone di plastica ed ha iniziato a ridisegnare dei tratti più sobri, eleganti e soprattutto realistici!

Sembra difficile, ma in realtà non ci vuole molto se si ha un po’ di manualità con i colori e i pennelli.

tree change dolls

Il risultato di Sonia è un capolavoro del fai-da-te, che si è trasformato anche in un vero e proprio business: The Tree Change Dolls!

Quello che era iniziato come un gioco per sua figlia, nel giro di pochissimo è diventato un must della rete!

doll1

Sonia ha cominciato pian piano a pubblicare su Facebook le sue nuove bambole, arricchendo il pacchetto con vestitini realizzati a mano, semplici e geniali.

DollsDress

Temi campagnoli, essenziali, naturali, colori tenui che hanno portato in poco tempo migliaia di iLikes.

DollDisegno

Le Tree Dolls hanno tutte un’espressione vera e pulita; in ciascuna potrete riconoscere un’amica o addirittura trovare quella che più vi somiglia!

Doll3

Far giocare ed identificare i bambini con questi piccoli capolavori è sicuramente molto più istruttivo ed intelligente, piuttosto che impiantare loro l’ideale di una bambolona stile Hollywood!

Potrete trovare lo shop di Sonia su ETSY e vedere le sue creazioni su Facebook cercando Tree Change Dolls

Naturalino è già diventato fan di questa artista meravigliosa e si cimenterà presto anche nella pratica, per riciclare vecchie bambole a cui ridare una nuova e luminosa vita…

Ready ToDo di dicembre… un Natale fai da te! La shopper bag.

Dicembre è iniziato ormai ed anche le temperature sembrano essere più invernali. Ci avviciniamo al Natale e ovviamente Naturalino ha iniziato a fare i suoi primi regali green!

Shopper Bag fai da te
Shopper Bag fai da te

Il nostro folletto verde ha optato per oggetti utili, ecologici e perché no… anche economici! Qualche articolo fa abbiamo parlato del fai da te, riciclando oggetti da trasformare in qualcosa di nuovo e speciale, oggi vi proponiamo questa prima idea regalo da poter realizzare con un po’ di pazienza e tempo a disposizione: la shopper bag con pochette!

 

stress

Per tutti gli amici o i parenti che si divertono a fare la spesa, dato che le vecchie buste di plastica si stanno finalmente esaurendo, questa potrebbe essere una bella idea regalo; se ben realizzata una shopper bag può diventare un oggetto anche molto gradevole da tenere sempre in borsa o in macchina. Si può tirare fuori all’occorrenza sfoggiando magari anche qualcosa di esteticamente più chic e piacevole, rispetto alle asettiche o pacchiane borse che troviamo al supermercato…

Pronti a confezionare il vostro primo regalo di Natale? Ecco la “ricetta” di Naturalino!

Materiale necessario:

  • Stoffa possibilmente di un tessuto resistente e abbastanza spesso. Va benissimo per esempio riciclare delle tovaglie o delle tende, ovviamente con fantasie che vi piacciono!

    • Le misure per la borsa
      – due pezzi 45×55 cm per il corpo della borsa e due strisce 4×50 per i manici

    • Le misure per la pochette
      – un unico pezzo da piegare in due di 20×40 cm
      – per la fodera intera 18×35 cm

  • Forbici, metro, matita, macchina e materiale per cucire.

  • Uno spago o un laccetto lungo tra i 60 e gli 80 cm

  • Un bottone o una decorazione a piacere

  • Eventuali elementi decorativi in feltro, lana o legno

Materiali
Materiali

ToDo

Sovrapporre i due pezzi di stoffa del corpo della borsa, fare un orlo sulla parte dell’apertura e cucire di rovescio tutto il perimetro (lasciando ovviamente aperta la parte superiore).

Shopper Bag Shopper bag

Una volta fatta l’imbastitura, passare alla macchina da cucire.

Shopper bag fai da te

Cucire gli angoli per creare un fondo più resistente, creare i manici con le due strisce di stoffa e cucirli sulla parte superiore, avendo cura di fare un bordo alla borsa per renderla più resistente.

Angoli fondo borsa
Angoli fondo borsa
Angoli fondo borsa
Angoli fondo borsa
Manici cuciti
Manici cuciti
Shopper cucita al rovescio
Risultato shopper cucita al rovescio

Rovesciare la shopper ed applicare un bottone ed il laccetto come in fotografia. Questo servirà per richiuderla con facilità!

Shopper al dritto
Shopper al dritto

Shopper al dritto

Per creare la pochette è sufficiente sovrapporre di rovescio la fodera alla stoffa della parte esterna, creare gli orli, cucire fodera ed esterno insieme, e piegare in due. Una volta passati alla macchina da cucire i due lati esterni, otterrete una semplice tasca da rovesciare ed abbellire a piacere! Potete applicare anche una zip se preferite… noi abbiamo optato per un bottone in feltro che richiude la pochette grazie ad un pezzettino di velcro.

Pochette
Pochette  step 1
Pochette
Pochette step 2

 

 

 

 

 

 

 

 

Pochette step 3
Pochette step 3
Pochette step 4
Pochette step 4

 

 

 

 

 

 

 

 

A questo punto dobbiamo solamente ripiegare la Shopper ed il gioco è fatto!
Così confezionata e nella sua pochette potrete tenerla comodamente nello zaino o in borsa, sfoggiare mentre fate la spesa al mercato oppure potete personalizzarla con ricami, bottoni, patchwork di stoffe e regalarla agli amici riempiendola di tutto!
Buon divertimento!

Shopper Bag - Piegatura 1
Shopper Bag – Piegatura 1
Shopper Bag - Piegatura 2
Shopper Bag – Piegatura 2

 

 

 

 

 

 

 

 

Shopper Bag - Piegatura 3
Shopper Bag – Piegatura 3
Shopper Bag - Piegatura 4
Shopper Bag – Piegatura 4

 

 

 

 

 

 

 

 

Shopper Bag - Piegatura 5
Shopper Bag – Piegatura 5
Shopper Bag - Piegatura 6
Shopper Bag – Piegatura 6

 

 

 

 

 

 

 

 

Shopper Bag - Piegatura 7
Shopper Bag – Piegatura 7
Shopper Bag - Piegatura 8
Shopper Bag – Piegatura 8

 

 

 

 

 

 

 

 

Shopper Bag - Piegatura 9
Shopper Bag – Piegatura 9
Shopper Bag - Piegatura 10
Shopper Bag – Piegatura 10

Ready ToDo di Novembre, costruiamo casette!

Naturalino ci insegna il rispetto per le cose sane, naturali e semplici, ma anche il rispetto per l’ambiente e tutti i suoi abitanti. Offrire alla Natura un gesto altruistico, ripaga sempre in qualche modo, prima o poi… è quindi il momento per il Ready ToDo di Novembre dedicato agli uccellini!

Novembre è il mese in cui, a seconda della regione, il freddo inizia a farsi sentire.
Con l’arrivo dell’inverno le attività all’aria aperta si riducono, la Natura si prende una pausa e gli animali, come anche l’uomo del resto, si rintanano al calduccio.
Avete mai pensato di costruire una casetta per gli uccellini?

casetta uccelli

Che abitiate in città o in campagna, una piccola birdhouse è un’ottima idea da tenere in balcone oppure fuori dalla finestra o ancora sul tetto!

Si può realizzare in pochissimo tempo, sia con delle tavolette da assemblare, sia riciclando materiali usati come bottiglie di plastica o contenitori del latte; è un lavoretto fai-da-te che vi può tenere impegnati per qualche oretta oppure da fare con i bambini per divertirsi…

Costruire una casetta per gli uccelli oltre ad essere una cosa utile per i tanti passerotti che non sanno dove nascondersi in città, è anche semplice, sviluppa sensibilità manuale, creatività e vi porterà grande soddisfazione. Soprattutto quando vedrete spuntare i primi rametti di nido all’interno e sentirete simpatici cinguettii al mattino!

Ecco qualche foto che potrà spiegarvi meglio di tante parole come procedere…

Se volete costruirla con del legno, munitevi di tavolette di compensato spesso al massimo 1 cm, si possono acquistare anche molti scarti in falegnameria… qualcuno li troverà anche in casa!

Un seghetto per tagliare i pezzi a misura, chiodini, colla, un martello, colori acrilici e decorazioni per l’esterno e il gioco è fatto!

Casetta per uccelli fai da te
Casetta per uccelli fai da te
Casetta per uccelli fai da te
Casetta per uccelli fai da te

Per chi invece vuole ridare vita ad oggetti usati (abbiamo parlato del riciclo già in questo articolo!), potete mettere da parte le confezioni di cartone dei succhi di frutta o del latte, come anche delle bottiglie di plastica. Preparate forbici, taglierini, colla e colori acrilici per decorare!

Casetta per uccelli riciclate
Casetta per uccelli riciclate
Casetta per uccelli riciclate
Casetta per uccelli riciclate

Creo perché riciclo… Riciclo perché creo!

Naturalino, come sapete, tende a cercare soluzioni per risparmiare e contemporaneamente vivere rispettando l’ambiente e la Natura.
Purtroppo una delle piaghe del nostro tempo sono i rifiuti, gli scarti, gli avanzi… tutto ciò che non viene normalmente smaltito o consumato, tutto quello che viene usato e poi gettato via, va ad occupare un posto nel mondo creando accumuli, sporcando e spesso purtroppo inquinando.

 

raccolta-differenziata

Mai come in questi ultimi anni l’uomo sta lavorando per risolvere il problema, ma ovviamente non è facile, il Pianeta Terra non è abituato ad avere così tanti abitanti e soprattutto così tanti spreconi!

Cambiare il corso degli eventi non si può, ma nel nostro piccolo possiamo lavorare da un lato per eliminare meglio i rifiutifacendo attenzione ad esempio alle raccolte differenziate, allo smaltimento responsabile di elettrodomestici e materie pericolose – dall’altro possiamo imparare a riutilizzare e riciclare quello che apparentemente sembra vecchio e usurato, ma che potrebbe assumere magicamente una nuova, inaspettata ed interessante veste…

Naturalino ha gironzolato alla ricerca di idee originali da realizzare e da proporvi, ecco una piccola galleria fotografica che speriamo possa esservi di ispirazione…

Consiglio: Nel frattempo, per chi ha un po’ di manualità e vuole mettersi alla prova, iniziate a mettere da parte dei contenitori di latta (tipo quelli dei pomodori), calzini ormai fuori moda, vecchie teiere, barattoli di vetro trasparenti (tipo quelli delle conserve o dei sottaceti), vecchi vasi di coccio (anche se sono mezzi rotti!)… abbiamo una serie di lavoretti di riciclo creativo da realizzare insieme nei prossimi giorni!

Riciclo Creativo
Riciclo Creativo – Ever green…
Riciclo Creativo
Riciclo Creativo – Riuso e riarredo

 

Riciclo Creativo
Riciclo Creativo – I tessuti cambiano faccia